Farmaci › Ricostituenti

Vengono definiti nell’accezione comune “ricostituenti” una vasta gamma di sostanze impiegate nella prevenzione e nel trattamento di problemi legati ad astenia, inappetenza, anemia, stati patologici, convalescenza o utilizzate nella medicina sportiva per migliorare la performance.

L’eccessiva autoprescrizione di tali farmaci porta spesso all’uso improprio di principi chimici che, se ben utilizzati, potrebbero rivelarsi preziosi in numerose situazioni. Anche se una classificazione di tali composti risulta assai complessa, è possibile individuare alcune categorie principali:

VITAMINE: le vitamine sovrintendono a numerose funzioni vitali indispensabili por la sopravvivenza. La loro carenza dà luogo a stati patologici ben definiti (es. scorbuto nella carenza di vitamina C, anemia megaloblastica nella carenza di vitamina b12). Sono comunque utilizzate comunemente nella prevenzione e nel trattamento delle malattie da raffreddamento (Vitamina C), nell’inappetenza in età pediatrica (Vitamina b12), nel trattamento delle dislipidemie (Vitamina E), nelle neuropatie e nelle stomatiti ricorrenti (Vitamina E), nelle neuropatie e nelle stomatiti ricorrenti (Vitamine del complesso B).

Per approfondimenti, su problemi medici clicca qui
info@medicinaweb.it
XHTML & CSS | Disclaimer | by Creso